02-05-2018

AkzoNobel è Partner con Ocean Cleanup per la pulizia degli oceani

AkzoNobel ha unito le forze con The Ocean Cleanup per contribuire a invertire la tendenza sull’inquinamento marino. Oggi l’attenzione è focalizzata sull’intervento drastico e completo per rimuovere i residui plastici dagli oceani.

akzonobel-ocean-cleanup-ipcm-2018-800La partnership coinvolge AkzoNobel che fornisce prodotti a basso impatto ambientale per il rivestimento di tutti i dispositivi e le attrezzature utilizzate da The Ocean Cleanup per i prossimi cinque anni.
Rappresenta un importante contributo ai profusi sforzi dell’organizzazione per eliminare la plastica dai nostri oceani. La pulizia dovrebbe iniziare nel Great Pacific Garbage Patch nei prossimi 12 mesi.
“L’inquinamento oceanico è un serio problema globale che ha un impatto sulla nostra società e sul futuro del nostro pianeta”, ha affermato Ton Büchner, CEO di AkzoNobel. “In qualità di leader mondiale nel settore dei rivestimenti marini, riteniamo di poter dare un contributo al superamento del problema intervenendo e sostenendo il lavoro svolto da The Ocean Cleanup”.
AkzoNobel mette a disposizione prodotti ad alta tecnologia idonei per una lunga protezione in ambiente salino del sistema di pulizia galleggiante, appositamente progettato per raccogliere i rifiuti di plastica. Questi prodotti Intersleek senza biocidi vengono già utilizzati per contribuire a rendere più sostenibile l’industria delle spedizioni marittime riducendo il consumo di carburante, le emissioni e i costi operativi.
“È meraviglioso aggiungere un altro nome alla nostra crescente lista di sostenitori”, ha dichiarato Boyan Slat, CEO e fondatore di The Ocean Cleanup. “Lavorare insieme con un leader globale in campo di rivestimenti sostenibili garantirà ai nostri sistemi maggiore protezione, anche nelle condizioni più estreme. Un altro vantaggio della partnership è il coinvolgimento del team AkzoNobel nella Volvo Ocean Race, che contribuirà ad aumentare la consapevolezza globale della urgente necessità di rimuovere la plastica dai nostri ecosistemi acquatici”.
Perfettamente in sintonia con la strategia di sostenibilità di Planet Possible di AkzoNobel, la collaborazione fa seguito al recente annuncio che l’azienda sarà anche partner ufficiale per la prossima Volvo Ocean Race. Questo prevede anche l’organizzazione di una serie di incontri incentrati sul portare scienza, politica, governo e sport insieme, nel tentativo di agire positivamente sulla questione dei rifiuti marini.

Fondata nel 2013, The Ocean Cleanup si propone di rimuovere metà della Great Pacific Garbage Patch nell’arco di soli cinque anni. Il sistema di pulizia galleggiante presenta una zona centrale a imbuto che permette di confluire i rifiuti di plastica al proprio interno. La plastica recuperata potrà essere utilizzata per il riciclaggio di nuovi prodotti.

AkzoNobel è leader mondiale nella produzione di rivestimenti ad alte prestazioni per l’utilizzo nel settore nautico.

 
(function(t,e,s,o){var n,c,l;t.SMCX=t.SMCX||[],e.getElementById(o)||(n=e.getElementsByTagName(s),c=n[n.length-1],l=e.createElement(s),l.type="text/javascript",l.async=!0,l.id=o,l.src=["https:"===location.protocol?"https://":"http://","widget.surveymonkey.com/collect/website/js/tRaiETqnLgj758hTBazgdw_2FSK3EImb8sN2uaTkwT2GqpJHBi_2F42A_2FbOACYeXU7GV.js"].join(""),c.parentNode.insertBefore(l,c))})(window,document,"script","smcx-sdk");